Polli e Galline

Uova a km 0 con le Galline Ovaiole

La produzione di uova a km zero derivate da un allevamento domestico di galline ovaiole, è una scelta sempre più comune nei consumatori che prediligono avere sempre più garanzie, rispetto alle uova derivanti da un allevamento intensivo.

Nell’ambiente domestico la gallina stando a contatto con la natura potrà vivere una vita nettamente più salutare e bella, ecco come farlo nel miglior modo.

Le galline ovaiole non hanno bisogno del gallo per fare le uova, esse producono all’incirca più di 200 uova l’anno, ovviamente  non è una produzione continua nel periodo invernale subiscono un calo di produzione delle uova dato il calo della luce, sarà utile in quel periodo fornire almeno 14 ore di luce alla gallina. La su vita mediamente si aggira intorno ai 10 anni, in un contesto casalingo.

La gallina ovaiola di norma prima del quinto mese d’età non farà uova e ricordate non sarà mai una produzione continua!

La gallina ovaiola necessita di un pollaio dove poter riposare e deporre le sue uova in tutta serenità, meglio optare quelli dotati di porta autobloccante, in modo tale da impartire alle galline i ritmi della giornata in modo automatico senza l’intervento umano.

pollaio pollyCome mantenere le galline e il pollaio

Premessa molto importante, oltre a del buon cibo le galline ovaiole devono avere un livello di benessere massimo per poter produrre ottime uova e non ammalarsi. Devono essere felici, poter scorrazzare per il giardino, godersi il sole e avere un bel pollaio pulito! Se vi domandate come pulire il pollaio è molto semplice, di norma va effettuata una pulizia sommaria una volta a settimana, tra cui il cambio delle lettiere e il passaggio dei disinfettanti, mentre due volte l’anno vanno fatte pulizie profonde con tanto di idro pulitrice! Se volete acquistare un pollaio online, Cucciolotta ne offre una grande gamma, anche di piccoli  ed adatti a tutti gli spazi esterni e giardini. Sono forniti di porta autobloccante, e di base sono tutti anti lupo e anti ratto del tutto sicuri per garantire la sicurezza delle vostre galline.

Come già detto l’alimentazione della gallina, è molto importante, si deve fornire un buon mangime biologico, in aggiunta ad esso deve essergli fornita la proteina del calcio ogni giorno attraverso integratori, ossi di seppia, ma anche semplicemente con dei derivati del latte come il formaggio. Oltre ad esso sono consigliate erbe come cicoria, trifogli, timo ma anche insetti che saranno in grado di trovare da loro nei loro momenti di libertà fuori dal pollaio. Altro aspetto rilevante è la somministrazione di avanzi, si si possono dare ma in poca quantità altrimenti le galline ne risentiranno loro e la loro produzione di uova.

polly farmLe normative da rispettare per un pollaio domestico

Oltre alle normative legali la norma più importante di tutte non è scritta ma è tacita, ovvero rispettare il vicinato ed usare il buon senso!

Le normative in Italia sulla detenzione di un pollaio domestico sono due; la prima a livello nazionale, essa ha lo scopo di monitorare lo stato di salute delle galline. La seconda a livello comunale, con lo scopo di mantenere la sanità pubblica e la verifica delle corrette dimensioni del pollaio.

Sotto il punto di vista pratico, dovrete recarvi presso il servizio veterinario dell’AUSL (Azienda Unità Sanitaria Locale) competente nella vostra zona, presso i loro uffici compilare i moduli di registrazione. Vanno inseriti; i dati anagrafici del titolare, l’indirizzo dove è collocato il pollaio domestico con il numero esatto di galline possedute, nella sezione finalità del pollaio domestico dovremo indicare per autoconsumo.

Nel momento in cui il modulo viene ricevuto e protocollato, verrà assegnato un numero al quale corrisponderà il nostro pollaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *